Domenica, 22 Settembre 2019

Content on this page requires a newer version of Adobe Flash Player.

Get Adobe Flash player

Resto al Sud estesi per il 2019 gli incentivi ai professionisti e agli under 46

14 novembre 2018   

Con la legge di Bilancio 2019, attualmente in approvazione, il governo vuole rafforzare la misura Resto al Sud che prevede la nascita di nuove imprese nel Mezzogiorno, con nuovi limiti di età ed estendendo la platea dei destinatari.

Dal 1 gennaio 2019, se verranno approvate le novità, sarà, dunque, possibile anche per gli under 46 e i liberi professionisti fare domanda di finanziamento.

L’obiettivo è rafforzare il sostegno all’imprenditoria del Sud: ad oggi circa 4.900 le domande presentate nelle otto regioni interessate: Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia.

In attesa dell’approvazione in via definitiva della legge di Bilancio 2019 vediamo cosa prevede l’incentivo all’imprenditorialità per il Sud Italia.

****

Resto al Sud sostiene la nascita di nuove attività imprenditoriali avviate da giovani nelle regioni Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia. E’ promosso dal Ministro per la Coesione territoriale ed il Mezzogiorno.

Le agevolazioni sono rivolte ai giovani tra 18 e 35 anni che siano residenti in Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia al momento della presentazione della domanda di finanziamento, trasferiscano la residenza nelle regioni indicate dopo la comunicazione di esito positivo, non abbiano un rapporto di lavoro a tempo indeterminato per tutta la durata del finanziamento e non siano già titolari di altra attività di impresa in esercizio.

Ogni soggetto richiedente può ricevere un finanziamento massimo di 50mila euro.

Nel caso in cui la richiesta arrivi da più soggetti, già costituiti o costituendi, il finanziamento massimo è pari a 200mila euro. I progetti imprenditoriali possono avere un programma di spesa del valore massimo di 200mila euro.

Per informazioni e presentazione delle domande è possibile rivolgersi agli uffici di Confcommercio Cosenza in via Alimena n°14 (Tel/Fax 0984 77181) oppure inviare una mail a: cosenza@confcommercio.it.

Sono finanziabili interventi per la ristrutturazione o manutenzione straordinaria di beni immobili (massimo 30% del programma di spesa); impianti, attrezzature, macchinari nuovi; programmi informatici e servizi TLC (tecnologie per l’informazione e la telecomunicazione); altre spese utili all’avvio dell’attività (materie prime, materiali di consumo, utenze e canoni di locazione, canoni di leasing, garanzie assicurative nel limite del 20% massimo del programma di spesa).

Non sono ammissibili le spese di progettazione, le consulenze e quelle relative al costo del personale dipendente.

Le agevolazioni coprono il 100% delle spese e prevedono: contributo a fondo perduto, pari al 35% del programma di spesa; finanziamento bancario, pari al 65% del programma di spesa, concesso da un istituto di credito che aderisce alla convenzione tra Invitalia e ABI, garantito dal Fondo di garanzia per le PMI.

Gli interessi del finanziamento sono coperti da un contributo in conto interessi. 

Il finanziamento bancario deve essere restituito in 8 anni di cui 2 di preammortamento.

Le agevolazioni sono erogate in regime de minimis.

Condividi questa pagina: 
Immagine

Seguici su

        

Sistema Confcommercio Cosenza

 

 

Orari di apertura

I nostri uffici sono aperti dal lunedì al venerdì:
   - Mattina: 8:30 - 13:00
   - Pomeriggio: 15:00 - 18:30