Domenica, 22 Settembre 2019

Content on this page requires a newer version of Adobe Flash Player.

Get Adobe Flash player

Draghi: "ripresa Eurozona ancora lenta, pronti a nuova liquidità"

24 settembre 2013   

 

La ripresa è ancora lenta e la disoccupazione resta ancora troppo elevata. Il presidente della Banca Centrale Europea, Mario Draghi, durante un`audizione al Parlamento europeo, ha confermato le preoccupazioni per la situazione economica dell`Eurozona.

"I dati sulla fiducia sostengono la visione secondo cui l`attività economica della zona euro dovrebbe continuare la sua lenta ripresa nell`attuale trimestre, nonostante la produzione debole a luglio". A preoccupare, ha proseguito Draghi, è anche il dato sulla disoccupazione che "nella zona euro resta troppo elevata e la ripresa dovrà essere ristabilita con fermezza``.

Per questi motivi, "la politica monetaria resterà accomodante per tutto il tempo necessario`` e la Banca Centrale è pronta "se necessario, a usare altre misure, anche un`altra operazione Ltro (finanziamento illimitato alle banche, ndr)``. Anche se, il problema del poco credito alle pmi, secondo il numero uno dell`Eurotower, è dovuto alla scarsa domanda delle stesse. "Le pmi sono l`ossatura delle nostre economie, durante crisi le difficoltà finanziarie sono aumentate ma il credito non migliora e con le nostre indagini abbiamo scoperto che il motivo principale è la mancanza di domanda".

Darghi ha poi ribadito l`intenzione della Bce di tenere ancora bassi i tassi di interesse. "Il Consiglio direttivo ha confermato di attendersi che i tassi di interesse di riferimento della Bce rimangano su livelli pari o inferiori a quelli attuali per un prolungato periodo di tempo". Draghi però ha ammonito che avere "bassi tassi di interesse a lungo termine comporta rischi" per la stabilità finanziaria e "lo abbiamo visto nel passato", ma "finora c`è una evidenza molto limitata che sia questo il caso".

Gli Stati membri Ue devono però proseguire sulla strada delle riforme. "Negli ultimi 12 mesi la fiducia nell`eurozona è tornata", merito - ha sottolineato il governatore - "non solo delle misure non standard della Bce, ma anche ai progressi fatti dai governi per migliorare la governance dell`eurozona e per seguire l`agenda delle riforme".

Condividi questa pagina: 
Immagine

Seguici su

        

Sistema Confcommercio Cosenza

 

 

Orari di apertura

I nostri uffici sono aperti dal lunedì al venerdì:
   - Mattina: 8:30 - 13:00
   - Pomeriggio: 15:00 - 18:30